Il presidente della LegaPro sull’impiego delle seconde squadre: “Dobbiamo valutare se servano veramente per la nazionale”

Intervistato da TuttoCalcioPuglia, il presidente della LegaPro Francesco Ghirelli, tra le altre cose, ha parlato anche della prossima Serie C e del nuovo impiego, che questa volta sarebbe massiccio e non solo riferito alla Juventus, delle Squadre B: “Abbiamo preso un impegno. A febbraio faremo un seminario di riflessione. Questa esperienza è da considerarsi errata per come è nata. Nonostante fossimo inizialmente d’accordo, riteniamo ora questo modello sbagliato. Se le seconde squadre hanno lo scopo di costituire un asset e riprendere il cammino della Nazionale Italiana e darle altri grandi successi come in passato, nessun problema. Ma bisogna cambiare le regole. Coi giovani fino a 21 anni, italiani o quantomeno utilizzabili dalle nazionali. Insieme alle massime istituzioni calcistiche tireremo le somme“. Insomma c’è aria di nuova rivoluzione, con il rischio che il progetto possa perdere il significato per cui è partito fino addirittura alla sua eliminazione.