Toro-logo-bello
Grande occasione per l’Under 17 di Sesia: la vetta e’ a portata di mano. Per Menghini e De Martini un solo obiettivo: fare punti.

UNDER 17:

Dopo la Lazio, arriva l’Empoli. A confrontarsi con l’undici di Sesia in serie positiva da lungo tempo. Battuti i capitolini al termine di una gara alterna e drammatica, ora i granata ricevono la visita della capolista, che, contro ogni pronostico della vigilia, guida in solitaria la classifica del Girone A.

I toscani, illuminati a centrocampo da Asslani e trascinati in attacco dallo svedese Ekong, possono vantare anche una difesa solida e potente, guidata dal “doriano” Fontanarosa. Non è da meno il Torino di Sesia, risorto ora ad un rendimento superiore e capace anche di insospettabili miracoli. Sotto la spinta di un inventivo e produttivo capitan Favale, i ragazzi granata hanno ritrovato in attacco gli spunti e la concretezza dell’ex-Inter Tordini, anche se nell’occasione si trovano pesantemente penalizzati dall’assenza del perno difensivo Morra Bean (Nazionale Under), punito dal Giudice Sportivo con due giornate di stop per un sua violenta reazione ad uno schiaffo del laziale Pesciallo; ma a Sesia non mancano i sostituti affidabili e concreti. Mentre ora deve far attenzione ai “gialli” anche l’esterno Aita, che ha raggiunto la quarta infrazione. Il tecnico Marco Sesia, nel contempo, vede assottigliarsi la consueta “rosa” a disposizione per alcune uscite già decise. E’ stato da poco ceduto al Sassuolo l’attaccante Christian Cassano, preso dalla Reggiana, ma sotto la Mole incapace di mostrare le sue qualità. Le dovute integrazioni studiate da Massimo Bava arriveranno di conseguenza.

UNDER 16:

Riscuote poco credito la squadra di Menghini precipitata all’ultimo posto della classifica, con sommo scoramento e dolore dei tifosi granata, abituati a vedere i propri colori sventolare in testa alle graduatorie. Ma non è ancora tempo per processi affrettati. Bisogna fare di necessità virtù e racimolare in ogni dove punti necessari a risollevarsi.

UNDER 15:

Tocca, infine, a De Martini, l’impegno forse meno arduo. L’Under 15 dell’Empoli è allo stesso livello del suo Torino. Magari con un attacco più prolifico, ma con una difesa più ballerina. Ecco il “punto dolente”: l’attacco. Gli avanti granata ancora non ingranano e spesso tutta la mole di gioco creata dai centrocampisti si disperde in tentativi velleitari ed improbabili. Per la squadra allenata da De Martini c’è poi da segnalare la defezione di Riccardo Florio, appiedato per un turno dal Giudice sportivo.

 A CURA DI SALVATORO