Europa-League
E’ un Toro già proiettato sul campionato 2019-2020 e che è fiducioso di disputare la prossima Europa League

Manca sempre meno alla sfida di Coppa Italia contro la Fiorentina e il Toro (come anche i viola hanno dimostrato iniziando per primi il ritiro a gennaio) vuole assolutamente proseguire in una competizione che, sicuramente è quasi impossibile vincere, ma è altrettanto vero che porta l’automatica qualificazione ai gironi di Europa League. Ecco perché contro un avversario che i granata hanno già dimostrato di poter battere (ma che fa della fase difensiva il suo asso nella manica e che in trasferta non è stato ancora sconfitto) non si darà spazio alle seconde linee. È un Toro che ha fiducia nei propri mezzi e che vuole puntare assolutamente al ritorno in una competizione europea. Per fare ciò che questo avvenga, la società ha deciso di blindare le colonne portanti della squadra rinnovando il contratto a Iago Falque e rifiutando qualsiasi offerta formulata anche da grandi club per i vari Nkoulou, Sirigu, Baselli, Belotti e Meitè. Gli unici della rosa che per ora hanno il via libera alla cessione sono Edera e Bremer ma per loro si parla di prestito e, di conseguenza, rimarranno comunque giocatori granata. Questo sta a dimostrare che il Torino mai come quest’anno voglia mantenere un gruppo che è già abbastanza solido (non come negli ultimi anni dove molti giocatori che avevamo valorizzato sono stati poi venduti alla prima occasione buona per fare cassa) e che, con qualche piccolo ritocco nel mercato estivo, potrà consentire al nostro Mister di avere una delle migliori rose del campionato italiano. Il nome di cui si parla ormai continuamente è quello di Roberto Pereyra con la trattativa a tre che coinvolge Toro-Watford-Udinese e il giocatore granata Parigini. Su quest’ultimo però Mazzarri ha speso belle parole e vorrebbe confermarlo (nelle ultime ore si è parlato anche di rinnovo per lui) e questo porta la trattativa ad una fase di stallo che potrebbe permettere al Chelsea di approfittarne e acquistare a titolo definitivo il giocatore ex Juventus. Proprio dal Chelsea il Torino vuole strappare definitivamente Ola Aina riscattandolo a giugno. Non ci sono dubbi che il ragazzo sia stato uno dei migliori giocatori di questa prima metà stagione e questo sembra aver convinto definitivamente la società a “mettere mano al portafogli”. Ovviamente tutto dipenderà da come andranno i prossimi sei mesi ma intanto i granata sembrano finalmente essersi mossi d’anticipo. Giugno, ti aspettiamo molto calorosamente.

Sempre Forza Toro
Alessandro Guadagna