GrandeTorino
La Triestina arriverà seconda, ma subirà un punteggio tennistico particolarmente indicativo sul livello del Toro

Nel 1947, il Grande Torino riceve allo stadio Filadelfia la Triestina di Nereo Rocco, squadra che al termine del campionato terminerà al secondo posto così come Juventus e Milan, proprio dietro ai granata Campioni d’Italia. Una prova di forza, se proprio ce n’era bisogno, visto che al termine del campionato la distanza in termini di punti sarà notevolissima, di sedici punti, anche sul campo nello scontro diretto: finisce 6-0 per il Toro, grazie alla doppietta di Menti ed alle reti di Gabetto, Loik, Ferraris e Maroso. Ci fossero stati all’epoca i tre punti per la vittoria, i granata avrebbero chiuso con ventiquattro lunghezze dalla Juventus, ventisei dal Milan e ventotto dalla Triestina, nessuno farà mai di meglio.

TORINO-TRIESTINA 6-0 (1-0)
Marcatori: pt 32′ Gabetto; st 3′ Menti, 5′ Loik, 20′ Ferraris, 28′ rig. Menti, 45′ Maroso.
Torino: Bacigalupo, Ballarin, Maroso, Grezar, Rigamonti, Martelli, Menti, Loik, Gabetto, Mazzola, Ferraris. Allenatore: Sperone.
Triestina: Striuli, Blason, Zonin, Presca, Seasa, Radio, Rossetti, Trevisan, Ispiro, Bernard, Begni. Allenatore: Rocco.
Arbitro: Tassini di Verona.