Maratona-Derby
Statistiche alla mano, Toro meglio in trasferta, in casa da ritrovare il 12° uomo

E’un Toro che dopo undici giornate, dati alla mano dimostra di funzionare meglio fuori casa.
Sette i punti raccolti fra le mura amiche dello Stadio Grande Torino, contro i dieci in trasferta.
Un trend da invertire  e che sotto certi aspetti sorprende, perché il Torino in passato ha sempre  sfruttato al meglio il fattore campo.
Stando ai dati riportati questa mattina nell’articolo del collega Francesco Manassero su La Stampa, i numeri sono chiari: 2 vittorie (Chievo e Sampdoria) e 4 pareggi fuori (Inter, Udinese, Atalanta e Bologna), ma soprattutto 10 punti raccolti che varrebbero il terzo posto in una ipotetica classifica ospiti, dietro a Juventus con 15 (l’unica a non aver mai perso assieme ai granata) e Inter con 12. Il rendimento cambia drasticamente se si prendono in considerazione le partite nello stadio amico: 2 successi (contro Spal e Frosinone: il minimo sindacale), un  pareggio (Fiorentina) e 2 sconfitte (Roma e Napoli) che relegherebbero il Torino in 13ª posizione, dietro anche alla matricola Parma (il prossimo avversario) considerando solo le gare interne.
E’ un Toro dunque che in casa fino ad ora non ha mai convinto. Domenica contro il Parma ci sono in gioco moltissimi fattori. La vittoria che manca dal 5 ottobre (Rocambolesco 3-2 contro il Frosinone) oltre alla ricerca di una continuità di prestazione che fino a dora è mancata.
Servirà ovviamente il supporto del pubblico a quanto pare ancora molto scettico sulla bonta di questo progetto granata.
12° posto in A per pubblico Con una media di 18.885 spettatori serve riconquistare il popolo granata a suon di risultati.
Le ambizioni hanno bisogno di sostegno, lo zoccolo duro del tifo è sempre presente, ma serve nuova linfa per supportare i ragazzi.