Tanti auguri al ghanese Abedì Ayew Pelè
L’ex attaccante del Torino Pelè spegne oggi 54 candeline

Il 5 Novembre 1964 nasce a Dome, in Ghana, l’ex attaccante Abedi Ayew, soprannominato “Pelè”.

Dopo un’ottima carriera in Francia, in diverse squadre tra le quali l’Olympique Marsiglia con la quale vince la Champions League nel 1993 (oltre a quattro scudetti ed una Coppa di Francia), nell’estate del 1994 approda al Toro.

Al Toro rimane due stagioni, dal 1994 al 1996, in totale 54 presenze e 13 gol.

Al tempo del suo arrivo al Toro, è considerato il più forte giocatore africano: ottimo attaccante di movimento, funambolico ed imprevedibile, giocoliere dotato di grande tecnica, nella prima stagione in granata entusiasma i tifosi, con 36 presenze e 10 gol; nel secondo campionato disputato col Toro, culminato oltretutto con la retrocessione, tra infortuni ed assenze dovute alla Coppa d’Africa, non apporta più grande contributo, 18 presenze e soli 3 gol per lui.

Ritenuto il più grande calciatore ghanese della storia e uno dei calciatori africani più forti di tutti i tempi, gli è stato attribuito in riconoscimento delle sue grandi capacità il soprannome “Pelè”, in onore dell’omonimo fuoriclasse brasiliano. Ha vinto il Pallone d’Oro Africano per tre volte (negli anni 1991, 1992 e 1993).

Pelé è stato anche capitano della Nazionale di calcio ghanese per sei anni (dal 1992 al 1998) ed è stato uno dei primi calciatori africani a guadagnare un piazzamento nella top 10 del FIFA World Player of the Year nel 1991 e nel 1992. E’ stato convocato ininterrottamente per più di un decennio, fu tra le altre cose vincitore della Coppa d’Africa nel 1982. Con 73 presenze e 33 gol in nazionale, Abedi Pelè viene considerato senza dubbio il più grande calciatore ghanese della storia.

Dopo essersi ritirato è tornato in Ghana dove ha aperto una scuola calcio e fondato un club, il Nania FC.

Buon compleanno, “Pelè”!

L'articolo Tanti auguri al ghanese Abedì Ayew Pelè proviene da Noi Granata.