Leicester
Quando la vita è strana e dura , ma ti riserva anche delle belle sorprese. La storia di Davide Lorenzo con un passato nel vivaio del Toro.

Davide Lorenzo è un calciatore classe 1994 che ha navigato, per anni, nelle serie inferiori del calcio italiano sognando una Lega Pro. Nella vita però, le favole succedono eccome, e lo sa benissimo Davide.

E’ proprio strana la vita: quando pensi che tutto sia finito è proprio in quel momento che si aprono nuovi spiragli e nuove opportunità. Ciò è quanto accaduto a Davide Lorenzo, attaccante italiano di 24 anni, ex promessa del calcio di casa nostra. Cresciuto nelle giovanili del Torino e poi trasferitosi alla Juventus, Lorenzo incarnava le stimmate dell’astro nascente. Tante le aspettative su di lui, piuttosto numerosi i pareri positivi dal sapore di pass per il futuro.

Ed invece le grandi aspettative, le ambiziose prospettive, gradualmente andarono in frantumi. Il giovane attaccante iniziò a girovagare in Italia calcando terreni di gioco della serie C2 e della D, tra le fila del Cuneo, del Voghera e dell’Acqui Calcio 1911, per poi trasferirsi all’estero, militando nei campionati minori di Novergia, Malta, Belgio e Svizzera. Nell’ottobre del 2017, considerando che il suo cammino nel mondo del calcio appariva essere sempre più frastagliato e avaro di soddisfazioni  il ragazzo decide di recarsi a Nizza per stare vicino alla propria compagna. Mansione? Cameriere, giusto per arrotondare e potersi mantenere. La paga però è molto buona, il ristorante è di una certa qualità e non è raro trovare seduti a tavola personaggi di un certo spessore: Raiola con Maxwell oppure, la dirigenza thailandese del Leiecster. E’ proprio con loro che, Davide Lorenzo, è entrato in stretta simpatia tanto che il club di Premier League ha fatto un’assurda offerta al ragazzo: “vieni ad allenarti da noi”. Ora Davide si allena con Vardy e compagni, si è subito inserito nel gruppo che lo ha preso in simpatia. Entro un mese si capirà se potrà essere anche tesserato. Da cameriere al Leicester, fino all’esordio in Premier League? Chissà, sognare non costa niente. Nessuno, meglio di Davide, lo può sapere.