Petrachi-Cairo

Una settimana alla chiusura del Calciomercato, un Torino che non ha fatto sicuramente i fuochi d’artificio in questa sessione estiva, nonostante il merito di aver trattenuto i migliori giocatori della rosa.

Izzo, Meite, Bremer e Damascan, per ora sono questi i nomi in entrata, ai quali forse si aggiungerà quello di Rade Krunic dall’Empoli. Sul fronte uscite sono papabili gli addii di Acquah e Obi e, se arriverà l’offerta giusta, anche quello di Niang.

Mercato non brillante in entrata, dovuto soprattutto agli obblighi di riscatto portati dalla scorsa stagione: Niang, N’Koulou e Rincon. Di questi solo l’ex difensore del Lione ha pienamente soddisfatto, paradossalmente è stato anche il riscatto meno caro. Discorso inverso per l’ex attaccante del Milan e dell’ex centrocampista bianconero, che invece hanno deluso non poco le attese per motivi diversi.

Se per Niang si profila una seria possibilità di cessione, per Rincon invece è salda la conferma. Il motivo non è facile da capire, vero che la sua fisicità è sempre utile in mezzo al campo, non è però compensata da buone qualità tecniche e visione di gioco. Tanti palloni persi, innumerevoli falli inutili e poca propensione alla costruzione del gioco, lo stesso che si è visto anche a Liverpool, in ogni caso rimane un titolare fisso.

Per ora rimangono i tanti nomi scritti sui giornali, i quali non corrispondono quasi mai alla realtà. Simone Zaza è il più presente in assoluto, sembra quasi ci sia un plebiscito per portarlo a vestire la maglia granata. Eppure di lui non si ha un bel ricordo, soprattutto per quel famoso derby di Coppa Italia perso malamente dal Toro. In campo fu davvero protagonista assoluto, non solo per i due gol segnati, ma anche per le sue intemperanze non punite dall’arbitro e gli sbeffeggiamenti dopo la partita. A condire malamente quella serata ci pensò anche Mister Ventura, che si rese protagonista di sorrisini e abbracci con i giocatori avversari, da lì in poi la rottura con gran parte della tifoseria.

Acqua passata ormai, anche se i tifosi granata non hanno storicamente memoria corta. In questo caso però si guarda all’economia della squadra e uno come Zaza può dare davvero un contributo importante in termini di qualità e personalità.

Resta che questo giocatore, insieme ad altri come Pereyra tanto per fare un esempio, è un profilo che non si sposa bene con la politica economica della società. Zaza percepisce oltre i tre milioni di Euro a stagione, il doppio rispetto agli standard granata e difficilmente Cairo sborserà una cifra del genere, tantomeno Zaza abbasserà le sue pretese. Nel mercato poi non c’è nulla da escludere e sappiamo bene quanto siano pazze le dinamiche che lo caratterizzano…questo nel bene, ma anche nel male.

A questo punto non sappiamo cosa di meglio aspettarsi da quest’ultima settimana; sette giorni pieni di notizie, oppure lo stesso silenzio di tutta questa lunga estate.

fvcg

Comments

  1. Secondo me quest’anno Petrachi si gioca gran parte della credibilità e della fiducia che i tifosi hanno nei suoi confronti. Per Bremer e Meite sono stati spesi parecchi soldi, e quando sono arrivati erano degli oggetti misteriosi, se si riveleranno dei buoni giocatori il merito sarà tutto suo, così come la colpa, se invece andranno male. All’inizio ero scettico, ma sto cambiando idea, Bremer l’ho visto benissimo, e Meite è in crescita. Tecnicamente sono entrambe di buon livello, senza dubbio migliorano il tasso tecnico della squadra. Adesso vediamo cosa succede, la squadra è da finire di sistemare, pare che l’esterno sarà Ola Aina del Chelsea, non mi dispiacerebbe anche se non è una garanzia. Poi bisogna capire cosa si vuole fare in attacco. Io resto convinto che Belotti ha bisogno di una spalla di ruolo, Zaza al di là di considerazioni personali andrebbe molto bene, oppure bisogna giocare con l’attacco a tre, Iago e Ljajic esterni, ma questa non sembra l’intenzione di Mazzarri. Il solo Iago (o Ljajic) a supporto di Belotti, non mi convince per nulla.

    1. vedo che siamo d’accordo praticamente su tutto, mi allineo anche sul discorso mister, che, devo dire, mi sta piacendo molto, sia dal punto di vista tattico che da quello dell’utilizzo dei giocatori che sulle dichiarazione, infonde una certa serenità all’ambiente , pregio che non gli riconoscevo. Chiaramente è cosciente del fatto che il giudizio su di lui diventerà importante dalla partita con la Roma in poi (parlo delle prestazioni ovviamente quando giochi contro gente di caratura superiore), ma sinora prudentemente non posso che essere contento.

      1. Io ho fiducia in Mazzarri, secondo me farà bene. Il massimo sarebbe stato se fosse arrivato subito dopo Ventura, allora avrebbe avuto una squadra costruita per il suo gioco, già pronta e solo da migliorare. Miha ha purtroppo smontato il giocattolo, perché la sua filosofia di gioco è diametralmente opposta agli altri due, e quindi adesso ci ritroviamo a dover ricostruire parte della rosa. Speriamo che prima della fine del mercato si riesca a farlo nel miglior modo possibile.

        1. Ciao Ahtletic!
          Concordo su tutto.
          Ventura ha fatto (finalmente) partire il treno-Toro, dopo anni e anni di desolazione andante. Nell’ultimo anno aveva CHIARAMENTE esaurito la spinta.
          La scelta di Miha è stata scellerata, come è stato evidenziato da tutti o quasi. Ma capita a tutti di sbagliare. cairo ha fatto una scelta… cosciente e coerente con il momento (la piazza ESIGEVA un anti-Ventura, un uomo sanguigno, DA TORO. Lui era perfetto. Certo, se oltre a questo si fosse data un’occhiata al curriculum da allenatore…
          Il giocattolo è stato smontato non solo per questioni tattiche (diversi schemi di gioco… ) ma anche nella scelta del mercato. Anzi, di ben due mercati.
          Ora c’è in parte da riparare, in parte da costruire. Ma non partiamo da zero, come scritto più volte.
          Mazzarri…altro curriculum, superiore a quello di Ventura (Miha incommentabile)… tanta esperienza. Uomo pragmatico, poco chiacchierone (EVVIVA! che di interviste falso-filo-granata non se ne poteva più…) che a detta di tutti SA COME METTERE TATTICAMENTE GIù UNA SQUADRA. Anche io ho fiducia…
          Certo….fino a prova contraria!! Alla fine, sono poi i risultati che contano!
          Ciao!

          1. Miha secondo me ha sbagliato in particolare l’ultimo mercato, nel bene e nel male il primo anno ha voluto Iago e Ljajic che sono ottimi giocatori, De Silvestri nel suo modulo andava male, adesso con Mazzarri sembra sia meglio. L’ultimo anno invece si è incaponito col 4231 modulo troppo offensivo per una squadra come la nostra, e ha voluto fortemente Niang e anche un profilo come Rincon (anche se la sua prima scelta era Kucka), che hanno fallito entrambe. Non gli perdono neanche la cessione di Benassi che io personalmente preferisco a Rincon.

        2. Miha ha smontato il giocattolo nel senso che ha preso la squadra da Ventura con giocatori che sarebbero stati adatti al gioco di Mazzarri, il quale avrebbe potuto dare continuità al lavoro fatto, e l’ha stravolta perché lui aveva un ‘altra idea di calcio, quindi l’ ha riempita di esterni alti ad esempio, difficilmente collocabili in un 352. Non ho espresso opinioni né su Ventura, né su Miha, né sull’annata buona o meno buona dei giocatori, ma è oggettivo che Miha ha fatto un Toro a sua immagine e somiglianza che non è quello ideale per Mazzarri. Tutto qui.

          1. Pero’ alla fine è ciò che capita con ogni cambio di allenatore, a maggior ragione se convinti all’utilizzo di tattiche e schemi differenti. Quindi è una cosa relativamente normale secondo me. ciao

          2. Non è proprio così, perché passare da Ventura a Miha e poi a Mazzarri è come fare un giro sulle montagne russe. È normale ritrovarsi la squadra mezza da rifare, questo è vero, quello che secondo me è stata sbagliata è la scelta degli allenatori, troppo diversi uno dall’altro. Ma è come dice Marcello, al tempo della scelta di Miha la società è andata dietro la piazza, si voleva un allenatore da Toro, tutto grinta, gioco offensivo (dopo gli anni del giro palla di Ventura), e purtroppo questi sono stati i risultati, purtroppo. Comunque nonostante a me Miha non sia mai piaciuto (come allenatore, non come uomo), io non ce l’ho con lui per il fallimento del progetto, lui ci ha provato, ha dato tutto quello che poteva, purtroppo non è andata come si sperava andasse.

  2. mah….anche io concordo sulla lettura di Beppe, tra le poche volte e per questo sottolineo la cosa con “entusiasmo”.
    Da parte mia mi sembra di avere una visione un pò diversa da alcuni amici specialmente per quanto riguarda le criticità. Tralasciando la panchina(che conta TANTISSIMO, non voglio svalutarla)in questo momento la formazione titolare sarebbe, second o quanto visto sinora:
    Sirigu Izzo Nkoulu Moretti Ansaldi Baselli Rincon Meitè Lollo Iago Gallo
    Da questo punto di vista, solo da questo e tenendo conto che Mazzarri a parole e nei fatti pare contento di Rincon davanti alla difesa(al contrario di molti di noi) sui titolari la perplessità la ho sull’attacco, e cioè, PURTROPPO, su Iago. Vero è che Marcello sostiene che abbiamo Niang da far giocare con il Gallo, ma attenzione, teniamo Iago per fargli fare il panchinaro? mi sembra decisamente spaesato, PER ORA, nel ruolo, se vendiamo Niang e prendiamo Zaza il problema rimane, credo sia più semplice inserire a centrocampo Adem piuttosto che trovare spazio per lo spagnolo. Mi piange il cuore dirlo, ma questo è quello che penso. Altro è se giocassimo, contro molte squadre inferiori, con il 3421, in quel modo Iago avrebbe il suo posto, Adem anche etc etc.
    Sulle altre considerazioni concordo con voi tutti (terzino e centrocampista), ci mancherebbe, ma continuo ad avere paura nell’avere davanti un 1-1 che prevede il Gallo in versione centurione romano che si scontra da solo contro le orde dei barbari.

    Comunque, ripetiamocelo e non scordiamocelo:AL MOMENTO abbiamo tenuto Sirigu, Nkoulu, Baselli, Iago, Adem ed il Gallo….ci avreste scommesso tutti ad inizio mercato?io soprattutto per la spina dorsale centrale decisamente NO.

  3. Bello l’articolo, concordo totalmente, come pure con i commenti di Marcello e G4M. Su quanto scritto da MauryGranata dico che a quel punto preferirei Balotelli, nell’improbabile caso che qualcuno si voglia più che dimezzare lo stipendio ma non è che ci tenga.
    Ho letto di situazioni sbloccate per la cessione di Valdifiori alla Spal con contratto triennale, di Krunic al Toro per 7 meloni e Acquah all’Empoli per 1. Spero molto di leggere queste operazioni oggi. Se fosse vero si spiegherebbe perchè Petrachi fa il DS del Toro, Cairo è considerato uno dei migliori imprenditori italiani e io sono costretto a prostituirmi a fotomodelle svedesi per campare. Tutte le mie valutazioni di ieri si dimostrerebbero premature, fallaci e maligne. Ci spero molto.
    Sull’attacco aggiungo che potrebbero pure verificarsi le partenze di Niang e Falque e l’arrivo del ciliegione gradito a Mazzarri e non adattato.
    FVCG

  4. grande delusione mercato toro, una settimana di tempo per raddrizzare la delusione [ classica da anni] mercato, ma vediamo, spero di sbagliarmi ma mi sà di un`altra annata di noia,

  5. Aspettando la fine del mercato, anche se per ora sono molto scettico al di là delle conferme dei “big”…, mi limito a commentare la bellissima foto scelta dalla redazione…

    1. fotissima proprio!!! Non ci avevo badato.

      oddio… Cairo in foto ha sempre la faccia un po’…da pirla… (senza offesa… parlo da sensazione visiva… na volta con la linguetta fuori…na volta strabuzzante gli occhi…. si, diciamo che il modellonon avrebbe potuto farlo…)

  6. Attendo buone “novas” fiducioso. I nomi che circolano (ex gobbi) non mi entusiasmano. Ricapitolando spero che vengano ceduti: Niang, Valdifiori Acquah.
    Acquisti: terzino(dx o sn basta che sia bravo) una prima punta, e un centrocampista cazzuto (anche sacrificando Rincon).
    Spero che gli acquisti non siano scarti dei gobbi ma gente da Toro.
    Lo scorso anno ero contento del mercato e siamo andati male. Quest’anno non sono soddisfatto ….speriamo bene…
    Ultima cosa, riconosco la buona volontà della società di trattenere i big.

  7. Se proprio Zaza vuole venire ed è disposto a abbassarsi lo stipendio perché no? Tra niang e Ljajic però via niang…

    1. Ciao Maury. Dovrebbe dimezzare…3mln annui più 15/16 per il suo cartellino sono tanti. Poi oltre a ex gobbo è un po’ psyco, con noi avrebbe squalifiche a go go. Non so…

      1. E a quel punto perchè non sperare in un Balotelli che vuole riconquistare la nazionale ricostruendone l’attacco titolare nel club Toro, con Belotti.
        Non succederà ma se succedesse vorrebbe dire che le intenzioni sarebbero nobilissime, il che diminuirebbe sensibilmente i timori legati alla “testa fresca” del ragazzo. E’ vero che non aiuta in fase di non possesso ma quando attacchiamo con quella coppia qualunque avversario andrebbe nel panico.
        Se proprio dobbiamo abbandonarci alle suggestioni preferirei questa che oltretutto sarebbe veramente un bene per il calcio italiano permettendo alla nazionale di schierare

        una coppia d’attacco rodata, fortissima e abituatissima a giocare insieme. Altro che C.Ronaldo..

        1. la pensiamo praticamente sempre nello stesso modo, su Balotelli ahimè no (capita).
          Non mi fido di lui, non vedo motivi per fidarmi di lui, non mi fido del suo procuratore, certo ha 27 anni, vuole giocare con la nazionale….ma io proprio non mi fido e so che lo vedrei camminare in campo troppe volte, cosa che avrei accettato nel Toro degli ultimi 30 anni solamente da un certo Roberto Baggio

        2. Balotelli corre meno di Zaza, volendo ( o potendo) prenderne uno sceglieriei Zaza o uno del suo profilo

  8. Credo sia la prima volta che sposo praticamente in pieno il pensiero di Beppe.

    NEGATIVO: Chi si aspettava, chi sperava nei botti di capodanno (nomi famosi) è per ora delusi.
    POSITIVO: Chi si aspettava la solita, o le solite due cessioni eccellenti è rimasto piacevolmente sorpreso!

    Nel mezzo di questi 2 estremi, abbiamo 5 facce nuove: Meitè, Bremer, Izzo, Damascan…ma anche Lukic (non dimentichiamolo, perchè secondo me…)
    Di contro, dell’ossatura portante di una squadra che A DETTA DI TUTTI necessitava di piccoli e ben piazzati aggiustamenti, non è stato tolto alcun mattone importante. (PER ORA….e toccando…l’inverosimile)

    Senz’altro abbiamo un buco enorme: un laterale potenzialmente titolare.
    Ma in difesa, mi sbaglierò, ma per il resto abbiamo davvero giocatori forti! E se ben piazzati da Mazzarri, potrebbero rendere davvero dura la via della porta agli avversari. (E si sa che questa cosa, già da sola, porta punti…)
    Centrocampo: Meitè non è Acquah! Lukic per me sarà una sopresa! Vedo solo una criticità: L’esterno basso, che se lo fa Rincon…significa i difetti tutti, individuati da Beppe ma anche da noi commentatori.
    Krunic? Se è una mezzala, non sarebbe lui il giusto profilo. Serve un centrale basso…
    Attacco: Con il dispiacere che simili frasi provocano, Iago non è (al momento) una punta centrale. E’ un adattato al ruolo. Nel 352 è…spaesato. Ci vorrebbe una punta vera per affiancare il Gallo.
    Niang…se resuscita… o altro. Ljajic, per ruolo, lo vedrei più utile e per certi versi indispensabile perchè in una partita chiusa, può portarti il guizzo. Ma non lo vedo certo una punta.

    Aspetto il gong finale e poi mi farò un PRIMO PARZIALE GIUDIZIO.

    Parziale perchè non è il nome che fa l’acquisto buono (Vero N’koulou Sirigu….contro …. Rincon Niang)
    Giudicherò il mercato definitivamente a dicembre, quando si vedrà se gòli uomini arrivati sono stati scelti bene o meno!

    1. Io in tempi remoti mi affidavo spesso al Libro dei libri, l’almanacco del calcio. Ora l’ho sostituito con il sito transfermarkt, secondo il quale Krunic:
      Ruolo principale: centrocampista centrale, presenze 59, gol 6, assist 9.
      Ruolo secondario: trequartista, presenze 50, gol 4, assist 8.

      Altri ruoli giocati: mediano, presenze 1, gol 1.
      centrocampista di sinistra, presenze 1.
      centrocampista di destra, presenze 1.

      https://www.transfermarkt.it/rade-krunic/leistungsdaten/spieler/259953

Comments are closed.