Ecco la rassegna stampa granata odierna sul nostro Toro

Tuttosport

Belotti ha bisogno di Zaza
Anche a Liverpool il Gallo si è trovato da solo in avanti. Ci vuole una punta vera che ne accompagni l’azione
di Camillo Forte
a pagina 10

“Il Gallo non si ferma più”
Rincon: “In questa stagione tornerà a segnare tantissimi gol. Ora ci siamo, affronteremo Inter e Roma senza alcun timore”
di Alessandro Baretti
a pagina 10

Gibbs: resa dei conti
Oggi l’esterno scioglie i dubbi. Se dovesse saltare l’inglese è pronta l’alternativa Bolignoli-Mbombo del Rapid
di Camillo Forte
a pagina 11

Ciao Tremendista
“Colpii Causio con tutta la mia forza e all’inizio scappai a Olbia. Mi spiacque, poi capii una cosa: quando ci vuole ci vuole”
di Marco Bonetto
a pagina 13

Klopp: “Granata test per il West Ham”
Robertson esalta Alisson: “Il nostro gioco inizia da lui. E tra i pali è già una sicurezza”
di Elisabetta Zampieri
a pagina 17

gazzetta

Mazzarri da la carica: “Coppa Italia con il calore di Anfield”

Il tecnico: Bellissimo a Liverpool sentire i nostri tifosi così forte. Mi ha motivato ancora di più. Vorrei sempre questa atmosfera” 
di Mario Pagliara
a pagina 15

Torino, è scattato l’assalto in fascia. Si insiste per Gibbs, Ola Aina resta caldo
Obi: testa a testa tra Parma e Chievo. Besiktas su Ljajic: rifiutato il prestito. Attesa Juan Jesus
di Mario Pagliara
a pagina 15

cronacaqui
Orgoglio e fiducia dopo i Reds. Mazzarri è «molto contento»
Sensazioni positive nella sfida contro il Liverpool, ma manca qualche tassello
di Emanuele Pastorella
a pagina 27

Addio a Giagnoni, allenatore con il colbacco. Quel pugno a Causio e il titolo perso sul filo
Aveva 85 anni: nel 1971 lo scudetto gli sfuggì per un errore arbitrale che annullò un gol di Agroppi
di Emanuele Pastorella
a pagina 27

Corriere
E ora Cosenza Road
Per il Toro bella prestazione ad Anfield col Liverpool, ma adesso Mazzarri vuole una vittoria in Coppa Italia. Squadra con il lutto al braccio per ricordare Giagnoni
di Federico Giustini
a pagina 9

Belotti e la prova del 9, per tornare subito il numero uno
Il capitano sempre a segno con le big d’Europa e un’estate già super
di Federico Giustini
a pagina 9

LaStampaToro al bivio: cercasi partner per Belotti
Il tecnico Mazzarri: “Gallo in forma strepitosa”. Ma serve una seconda punta per esaltarlo
di Gianluca Oddenino
a pagina 33

Duro, puro e tremendista. Addio a Giagnoni e al suo colbacco
L’ex allenatore, morto a Mantova a 85 anni, ridiede orgoglio e dignità ai granata negli Anni 70. Infiammò i suoi tifosi con il copricapo e le liti nei derby: solo errori arbitrali gli negarono lo scudetto
di Gigi Garanzini
a pagina 33

Comments

  1. io invece leggo con piacere che la preoccupazione sul Gallo lasciato da solo in attacco comincia ad allargarsi, poi non è che in campionato se alla decima non ne ha messi 8 possiamo criticarlo(a meno che non se ne sia mangiati a rullo). I risultati della squadra sono l’unica cosa che conta, ma se non segna il Gallo o la seconda punta che al momento non abbiamo individuato con certezza potremmo avere problemi.
    Confido nel lavoro di Mister e società ma sottolineo una perplessità

    1. Perplessità credo ampiamente condivisa.
      oltretutto se pensiamo che al mister “piace” il 3-5-2, come modulo base (che ama poi cambiare, nel caso, all’occorrenza)
      La seconda punta c’è, e ad oggi si chiama Niang! Rientrato (giustamente) dopo dalle vacanze, non è ancora stato debitamente provato da Mazzarri.
      Ora bisognerebbe entrare nelle stanze segrete per sapere se Mazzarri ha detto a Petrachi: “Vendilo” o “Non venderlo”. Lo voglio o non lo voglio.

      Butic lo considero partente. Anzi lo spero proprio. Vorrei vederlo testato tra i PRO, un anno almeno, prima di affidargli l’onere di “Vice-Belotti”… responsabilità a dir poco IMMENSA.
      Damascan! Anche qui bisogna capire come si è presentato, e come lo considera il mister. Intendo per il ruolo di riserva. (A differenza di Butic, lui ha già giocato parecchio contro dei PRO, seppur in un campionato… minore…rispetto alal nostra A)

      Edera alternativa come attaccante centrale (Mazzarri lo ha detto spesso che lo vorrebbe…lì), Ljajic e (purtroppo) Iago per ora solo adattamenti.

      Riassumendo: i 2 titolari ci sono già.
      Oppure via Niang… allora serve un altro titolare. Forte si intende. Titolare, appunto.

      1. tra l’altro continuiamo a non avere un rigorista semi-infallibile in squadra….

      1. Non dovrebbe esistere su giornali e siti come questi!! 🙂 E poi potrebbero anche provvedere… 😛

Comments are closed.