Burdisso-intervista
L’ex difensore del Torino Burdisso: “Belotti è un grande attaccante, lo scorso anno fu frenato da troppe cose che aveva in testa”

A conferma di quanto scritto in precedenza sul Gallo Belotti, arrivano le dichiarazioni rilasciate a RadioMonteCarlo Sport dall’ex difensore granata Nicolas Burdisso: “E’ un attaccante di grande livello, ma lo scorso anno aveva troppe cose in testa che hanno influito negativamente, anche sulle prestazioni. Adesso è molto più tranquillo e sono sicuro che tornerà a mettere in mostra quella carica agonistica che lo contraddistingue. Lo scorso è stato solamente un anno transitorio, può capitare nella carriera di un calciatore, ma è un grande attaccante con un futuro roseo“. Sul mancato rinnovo: “Avrei voluto restare, ma sono state fatte delle scelte diverse, Mazzarri voleva puntare di più sui giovani e lo capisco. Ma non era un problema stare in panchina, a trentasette anni comprendo che avrei dovuto fare da comprimario, ma mi andava bene lo stesso. Ci siamo comunque lasciati tutti serenamente, mantenendo ottimi rapporti“.

Comments

  1. Un altro anno a questo Torino poteva stare. Esperienza e professionalità, vincente ed umile.

  2. Io condivido la scelta di Mazzarri. Il Toro è oggi ma anche…domani
    Abbiamo già Moretti (esperto) e N’koulou / Izzo (al Top come età) .
    Bremer è giovane, ma non un novellino. Restano Bonifazi/Lyanco (+ Ferigra) come parziali incognite
    Parziali…perchè tra i PRO hanno già giocato e dimostrato di avere dei numeri…

    Attenti poi: Burdisso non è “un po’ vecchio”… ha 37 anni! Sono davvero tanti!
    Moretti…è Moretti… ma trattasi davvero di mosca bianca… eccezione…. quasi unicum.

    Il Burdisso del girone di ritorno dimostrava limiti fisici notevoli, che solo parzialmente “mascherava” con la classe (indubbia) e l’esperienza.
    Può anche essere che Mazzarri sia stato “consigliato” da medico e preparatore fisico, circa le “capacità aerobiche e/o di esplosività meccanica” del giocatore….

    So che il dottore del Toro è andato in Brasile per avere informazioni di prima mano su Lyanco (A proposito, ORA PERO’ POTREBBE RIENTRARE A TORINO per le fasi successive… ok farlo stare tranquillo a casa… ma a desso potrebbe anche tornare… o no??)
    Bonifazi ha tempi di recupero ben precisati (sperando in assenza di ricadute… non preventivabili comunque)

    Deve essere il medico a dare idee precise a Mazzarri/Petrachi/Cairo.

  3. guarda, io credo che la paura di Mazzarri sia che se gli fanno un contratto alla fine fa 25 partite e ruba spazio ai giovani….lo scorso anno a parte verso la fine come facevi a toglierlo?magari mi sbaglio

  4. Io prenderei lui come “supplente” finché non rientrino Lyanco e Bonifazi.
    Dosato con oculatezza è ancora un buon centrale difensivo e ha personalità da vendere.
    Un contrattino per un anno, cifre ragionevoli per tutte le parti in causa, disponibilità alla panchina e a subentrare all’occorrenza. Sarebbe anche un toccasana per lo spogliatoio e un riferimento per i giovani.

Comments are closed.