3 Agosto 1963: nasce a Massa, Giovanni Francini.

Cresciuto nel Molicciara e passato poi alle giovanili del Torino, esordisce nel 1980 in Serie A con i granata.

Dopo aver raccolto 18 presenze in due stagioni, dal 1980 al 1982, passa in prestito alla Reggiana in serie cadetta per poi ritornare al Toro dove rimane per altre quattro stagioni, dal 1983 al 1987.

In maglia granata totalizza in sei stagioni 157 presenze, realizzando 11 gol.

Nel 1987 passa al Napoli per 5,9 miliardi di lire, dove rimane per sette stagioni, con 184 presenze e 10 reti, arricchite da uno scudetto, una Coppa UEFA ed una Supercoppa italiana.

Nel 1994 passa al Genoa dove rimane pochi mesi, per trasferirsi poi al Brescia dove gioca 30 gare senza realizzare nessuna rete in due campionati,  dopo due stagioni con le rondinelle, si ritira all’età di 32 anni.

Mentre milita nel Torino esordisce in Nazionale, favorito anche dall’addio volontario del suo predecessore nel ruolo di terzino sinistro, Antonio Cabrini. In maglia azzurra raccoglierà 8 gettoni.

E’ considerato uno dei più grandi difensori granata del dopo Superga. Completo nei fondamentali, ricco di agonismo, è un giocatore da Toro perfetto, sa spingersi in attacco e sa segnare.

Ragazzo serio, solido nei valori morali, trascinatore in campo e fuori.

La sua cessione al Napoli per sei miliardi di Lire, nel 1987, causa una  dura contestazione dei tifosi granata nei confronti dell’allora presidente Sergio Rossi, uno dei motivi che lo spingerà ad andarsene e a cedere la società al binomio Gerbi/De Finis.

Buon compleanno Giovanni!