Mazzarri-bormio
Terzo giorno di lavoro per i granata nel ritiro di Bormio

Terza giornata di intenso lavoro in quel di Bormio per la compagine granata sotto l’occhio attento e vigile del “Sergente” Mazzarri.
E’ salito in altura per un saluto e per tastare il polso della squadra anche il direttore sportivo Gianluca Petrachi, il quale poi si presume dialogherà con il tecnico e fare il punto della situazione.
E’ inoltre atteso a Bormio in giornata il nuovo acquisto dell’ultima ora, il portiere Rosati proveniente dal Perugia.

La squadra è scesa in campo intorno alle 9.30 e l’allenamento è iniziato con il consueto riscaldamento.
Poi come d’abitudine il mister granata ha diviso il gruppo in due in modo che i giocatori alternassero il lavoro sul terreno di gioco con quello in palestra. I portieri in avvio si sono esercitati a parte per poi unirsi ai compagni durante la partitella. La parte tattica è stata incentrata in particolare sulla parte difensiva: prima i difensori centrali hanno provato scalate e coperture mentre i compagni effettuavano improvvise verticalizzazioni e lanci lunghi. Poi l’attenzione si è spostata sugli esterni anche loro impegnati a impedire che i compagni avanzassero verso la porta. Anche il nuovo arrivato Bremer ha partecipa all’allenamento affiancato da un membro dello staff tecnico che gli spiegava passo passo e dettagliatamente ciò che chiedeva nello specifico Mazzarri.
Terminata questa fase sono stati poi coinvolti i centrocampisti e gli attaccanti che hanno dovuto cimentarsi in movimenti, tagli, tiri in porta diretti o dopo stop a seguire da una distanza di una venti cinquina di metri. Fra i pali si sono alternati Sirigu, Ichazo e Zaccagno.
La sessione di lavoro è proseguita con tutti i giocatori in campo e con una partitella a campo ridotto. Mazzarri ha dato l’ordine di utilizzare i tre tocchi e che prima che la palla arrivi agli attaccanti di passare per gli esterni che sono stati per l’occasione De Silvestri e Berenguer da una parte e Parigini e Gilli dall’altra. Anche Acquah, Lukic, Baselli, Meïté si sono dovuti cimentare nei cross. Dopo un po’ la partitella è tornata libera, quindi, senza l’obbligo di sponde per arrivare al tiro in porta. Una squadra era formata da Sirigu, De Silvestri, Bremer, N’Koulou, Bianchi, Parigini, Acquah, Valdifiori, Lukic, Falque e Belotti e l’altra da Ichazo, Fiordaliso (in alternanza con Gilli), Ferigra, Rowan, Moretti, Berenguer, Baselli, Rincon, Meïté, Edera, Butic (anche lui in alternanza con Boyé). Izzo, affaticato dai carichi di lavoro, si è dedicato a esercizi defatiganti e non ha partecipato alla partitella. Bonifazi ancora a riposo. Al termine dell’allenamento Belotti ha provato qualche rigore, mentre Meïté e Bremer hanno svolto un po’ di corsa.
Oggi pomeriggio altra sessione d’allenamento l’orario dell’inizio sarà comunicato al più presto sul sito del Torino Fc.