Borello
Il fantasista della Primavera preso in prestito a gennaio Borello torna a Crotone

E’ una brutta notizia, perché sin dal suo arrivo sotto la Mole pareva poter essere un talento del futuro per i colori granata. Parliamo del giovane Giuseppe Borello, giunto nel mercato di gennaio dalla Primavera 2 dal Crotone, con cui ha anche esordito in prima squadra. Il suo passaggio sotto la Mole era legato al futuro del difensore in prestito dal Toro Arlind Ajeti, nel senso che se il Crotone avesse deciso di trattenere l’albanese si sarebbe concretizzato lo scambio automatico, cosa che invece non avverrà. Niente esclude però che il Torino si possa muovere per rilevarne il cartellino con una proposta diretta alla società calabrese, appena retrocessa in Serie B. A costi non eccessivi, i granata si troverebbero in casa un elemento di proprietà molto interessante da far crescere in prestito, senza contare che Borello ha realizzato un gol decisivo nella finale di Coppa Italia vinta dopo un’eternità conquistandosi anche un calcio di rigore.

Comments

  1. La situazione Borello-Ajeti, per quanto io ne sappia, non era legata a filo doppio. Nel senso che l’affare Ajeti aveva contribuito a facilitare l’arrivo di Borello al Toro, ma senza alcuna interdipendenza. Il Crotone aveva “concesso” al suo ragazzo l’opportunità di esibirsi e misurarsi in Primavera1, dopo che l’esterno aveva letteralmente spopolato fino a gennaio in Primavera2. Ma i due contratti erano ben chiari. Il Crotone aveva il diritto di riscatto per Ajeti. Ma per Borello aveva concesso al Torino il solito diritto di riscatto, conservando a suo favore il controriscatto. E su questo non aveva voluto concedere nessun vantaggio al Torino. I pitagorici ritengono tuttora Borello pedina indispensabile per il prossimo campionato di B, alla stregua di un titolare inamovibile. Per la prossima Primavera granata poi sarebbe stato un “fuori-quota”, ma ancora non si conoscono i ruoli in cui Bava e lo stesso Coppitelli vogliono piazzare i fuori-età. Eventualmente prenderlo per mandarlo in orestito? Oppure trattenerlo per una ipotetica squadra B? Nessuno ancora lo dice apertamente. ma il progetto squadre B sembra sgonfiarsi prima di essere varato del tutto. Al momento la Fiorentina non si è espressa chiaramente, l’Inter sembra essersi tirata indietro, restano Milan, Juve e Roma a contendersi il/i posto/i disponibili. Il Torino ha dato la sua disponibilità, ma questi posti disponibili dove sono?

    1. Potremmo sempre dare al Crotone (in prestito secco) Edera o Boyé e farci dare Borello in cambio (a titolo definitivo).

    2. Non saprei che dire sulle squadre B, ma ipotizzo la possibilità che i gironi si allineino tutti a venti squadre, più qualche fallimento che non manca mai, e la squadra B per quattro di A non mi pare così remota.

  2. Sarà meglio muoversi, ma poi bisogna evitare di cacciare via i giovani prima del dovuto! Oggi ho visto Pontus Jansson nelle nazionale svedese: mica male, no?

    1. Si, pure io l’ho visto bene. Soprattutto ha giocato con personalità e fatto valere il fisico intelligentemente, senza eccedere.

    2. Jansson è stato mandato via perché al Toro è stato più rotto di Obi, Petrachi ha capito che poteva prenderci dei soldi e secondo me ha fatto bene. Poi col senno di poi si può dire ciò che si vuole, ma all’epoca pareva meglio così, trattenerlo era troppo rischioso. Detto questo, vedendolo adesso sarebbe probabilmente stato uno dei difensori migliori visto che da queste parti sono passati talenti quali Carlao, Rossettini, Ajeti e se dimentico qualcuno ricordatemelo.

      1. Non voglio polemizzare inutilmente, ma fra gli infortuni di Jansson e quelli di Obi c’è un abisso. Vendere contemporaneamente Glik e Jansson è stata una vera stupidaggine.

Comments are closed.