fogli-berretti
Toro Berretti, uno scudetto per essere il club più vincente.La squadra granata punta al titolo numero 11, nessuno in Italia come loro

Resta pur sempre un titolo italiano. Forse poco apprezzato, ma nondimeno fortemente voluto. E bramato. All’atto conclusivo il Torino di Roberto Fogli ed il Sassuolo di Stefano Morrone, che si giocheranno il tricolore  al “Petruzzi” di Città Sant’Angelo (PE). In una sfida aperta e senza favoriti. In campionato i confronti diretti si sono chiusi entrambi in parità (1-1), anche se la classifica finale ha visto il Sassuolo terminare in testa. Dopo un dominio incontrastato del Toro, letteralmente sgonfiatosi nelle ultime cinque giornate. Ma Fogli ora sembra aver recuperato salute, condizione e convinzione. Nelle gare di semifinale contro l’Inter, bestia nera dei granata, è stato un dominio assoluto, con una festa grande al Filadelfia (4-0), ed ancora una vittoria nel ritorno a Milano (3-2). Ed anche il Sassuolo si prepara con meticoloso puntiglio. Schianta nella qualificazione all’andata un’Atalanta distratta ed incompleta (4-2), poi nella gara di ritorno gestisce con intelligenza il vantaggio, senza rischi (1-1). Stefano Morrone, comunque, vuole il titolo. Assolutamente. Ha richiamato dalla Primavera tutti i ragazzi che l’anagrafe ed  il regolamento gli consentono di schierare: Montanari, Ghion, Pilati, Ferraresi, Ahmetaj, Aurelio e lo stesso Raspadori (31 presenze e 9 reti in Primavera1, ed anche 13 presenze e 2 reti nelle Under Azzurre) e medita in silenzio il colpo gobbo. Fogli, da parte sua, resta alle prese con qualche acciacco di troppo. Ha tre-quattro infortunati che difficilmente saranno recuperabili, eppure non ha voluto fare ricorso ai “Primavera” in età, pur potendo scegliere fra una dozzina di ragazzi. La finale deve essere disputata da coloro che hanno lottato per conquistarsela. Questa la filosofia granata, comune a tutto il settore giovanile. Una curiosità: nel Sassuolo c’è un ex-Toro: Manuel Castelluzzo (2000, difensore), transitato in granata per un breve periodo dopo il fallimento del Parma.

Modalità di svolgimento:

In caso di parità al termine della gara, le due squadre disputeranno due tempi supplementari di 15′ ciascuno. In caso di ulteriore parità, si farà ricorso ai calci di rigore.

CAMPIONATO BERRETTI: FINALE SCUDETTO SERIE A:

TORINO-SASSUOLO

Giovedì, 14 giugno 2018, ore 18,00

Stadio Comunale “Petruzzi” – Città Sant’Angelo (PE)

Arbitro: Nicolò CIPRIANI di Empoli

Assistenti: Alessio BERTI di Prato e Gabriele NUZZI di Valdarno.

Probabile formazione del Torino: 

Gemello, Casella, Ambrogio, Potop (Serbouti), Favre, Matera, Chalakov, Munari, Oyewale, Ollio, Citterio. All.: R. Fogli