Berenguer
Contro il Genoa Berenguer si gioca un posto per la prossima stagione sulla fascia

Il modulo a tre in difesa attuato dal tecnico granata Walter Mazzarri ha portato alcuni miglioramenti, specie al reparto difensivo, anche se l’utilizzo di due terzini con le attuali caratteristiche non corrisponde esattamente a quelle che sono le necessità dell’ex Napoli e Inter. In carriera ha spesso alternato un terzino da una parte ed un’ala (o un terzino con spiccate doti offensive) dall’altra, situazione osservata, nel Torino, per la prima volta domenica scorsa contro la Spal, con l’ingresso in campo di Alex Berenguer, il cui subentro è risultato decisivo per il risultato con l’assist del pareggio di Belotti oltre che la traversa colpita dopo pochi secondi. Il talento spagnolo potrebbe rappresentare una variante tattica importante per la prossima stagione (fino ad ora il suo utilizzo lo portava ad occupare tutt’altra posizione), specialmente se riuscirà a tradurre con continuità sul campo i progressi visti nell’ultima gara. Contro il Genoa potrebbe partire dall’inizio, occasione da sfruttare al meglio.

Comments

  1. Difensivamente mi pare che corra molto a vuoto e sia un po’ confusionario ma potrebbe imparare. Quando si riparte uno con la sua gamba e la sua ricerca della profondità può fare molto male ed abbiamo solo lui con queste caratteristiche tra i terzini. Non credo sia un caso che abbia fatto un figurone in una partita nella quale doveva prevalentemente attaccare. Secondo me non partirà tra i titolari contro il Genoa perchè Mazzarri pensa prima a non scoprirsi e perchè farlo entrare quando l’avversario è stanco può aumentarne molto l’efficacia perchè giocatore di gamba . Comunque sia ora si è capito che giocatore sia Berenguer e perchè era molto seguito quando lo prendemmo. Spero che l’anno prossimo resti e che le potenzialità diventino certezze. Ciò non toglie che io un buon terzino destro di gamba lo prenderei perchè a me pare che nessuno a parte De Silvestri si trovi a proprio agio sulla destra. Le presenze in campionato maturate da Lollo parlano chiarissimo a mio avviso.

  2. Berenguer è un giocatore che ha un margine di crescita molto alto può fare tre ruoli esterno di centrocampo esterno d’attacco e esterno destro basso. Tecnicamente molto valido è sicuramente un profilo su cui puntare. Sul centrocampo ha ragione Marcello però io vorrei un centrocampista mancino o almeno un vero ambidestro il mio sogno sarebbe Thiago Maia del Lille ma credo costi troppo malgrado l’annata disgraziata dei francesi

  3. Berenguer potrebbe essere utilissimo, appunto, per modificare, anche a partita in corso, l’assetto del Toro.
    Non ne conosco molto le sue “capacità a difendere”, ma essendo comunque protetto dal centrale di sx, avrebbe maggiori compiti offensivi. La corsa poi ce l’ha per andare più volte in fascia. Stesso discorso per De Silvestri a dx.
    Con Barreca (se ritenuto valido da Mazzarri) e Ansaldi “rischieremmo” di essere già a posto come laterali bassi. e potremmo concentrare gli sforzi economici sul centrocampo, a mio parere vera necessità.
    Se consideriamo di avere 5 centrocampisti, io direi Baselli, Lukic, Gustafson (come 5°) e 2 davvero forti.
    Via tutti gli altri (Rincon, Obi e Acquah)

Comments are closed.