Mazzarri-allenamento
Senza nominarla realmente, cinque punti non sono impossibili, ma servono due successi con Milan e Atalanta

In ottica Europa League, il Torino di Walter Mazzarri spara le ultime cartucce in due partite che, se vinte, potrebbero davvero proiettare nuovamente i granata nella lotta per le competizioni europee. Sarà molto complicato, nessuno si faccia illusioni, perché nel giro di pochi giorni ci si troverà ad affrontare impegni contro Milan, all’Olimpico Grande Torino, ed Atalanta al Fratelli Azzurri d’Italia, due delle squadre che ad inizio stagione contendevano tale traguardo agli uomini di Sinisa Mihajlovic (senza dimenticare la Lazio ed il Napoli). Complicato, vero, ma non impossibile, ed è quantomeno corretto, per deontologia ma pure per rispetto di chi va allo stadio e di chi investe cifre ingenti al fine di allestire una rosa competitiva, che i ragazzi ci provino finché la matematica non escluderà tale possibilità. La Fiorentina è a cinque punti, ma dopo un periodo di splendido vigore è arrivato il pari contro la Spal, e da mercoledì si troverà di fronte, così come il Torino, un trittico di partite complicatissime. Ottimismo dunque, quello che chiede sempre lo stesso Mazzarri a questo particolare ambiente. Proviamo tutti a seguire il consiglio del mister.

Comments

  1. L’articolo è fuorviante. Ogni partita bisogna tentare di vincerla, non c’entra per nulla questa ovvietà con il fatto che l’obbiettivo è stato mancato. I miracoli succedono agli strisciati, non a noi.

  2. E’ finita. I tre punti col Chievo sarebbero stati un trampolino inverosimile. la quarta vittoria di fila che sono sicuro ne avrebbe portata una quinta. L’unico scenario che può aprirci qualche porta, e mi duole dirlo, è il fairplay finanziario.

  3. molto difficile ma non impossibile, condivido appieno il passaggio che dice che fino a quando la matematica non ci dirà che è finita occorre provarci, per rispetto verso i tifosi, la società e i giocatori stessi.

  4. Le speranze Europa le avevo fortissime fino alla partita con il Verona; lì sono sparite…evaporate.
    Giochiamo queste partite BENE, cercando di vincere e CONVINCERE.
    Per l’Europa… ne parliamo l’anno prossimo (…di nuovo…)

  5. Questa squadra ha spesso deluso… Tuttavia, complicato ma non impossibile! Ci può (ottimisticamente) stare!
    Sulla programmazione stenderei il classico velo se programmazione è sinonimo di sole plusvalenze.

    1. ma perchè ce l’avete tanto con le plusvalenze, il toro vive grazie a quello, sono comunque soldi che restano in cassa, non se li prende cairo

  6. che sia corretto che i ragazzi diano il massimo non ci piove, che sia realistico pensare a 2 vittorie di meno, anche perchè, tra l’altro, giochiamo con 2 squadre davanti, se le altre 2 fanno 4 punti comunque siamo fregati.

    facciamo buone partite, non prendiamo imbarcate e….PROGRAMMARE, PROGRAMMARE, PROGRAMMARE!!!

    1. il massimo sarebbe lanciare i nostri primavera e affini, e vincere, così avremo una visione realistica su come programmare il prossimo anno

Comments are closed.