Mazzarri-pensieroso
Chievo ostico e difficile da affrontare, ma la qualità e la superiorità del Toro oggi non si è vista

Possiamo raccontarci qualsiasi cosa per lenire la delusione, guardare il cosiddetto mezzo pieno, ma in questo editoriale a caldo come sapete vogliamo esprimere tutto ciò che ci passa per la testa, limitando le censure. Poi domani a mente fredda forse le cose si potranno vedere in un altro modo, ma ora dopo aver visto la partita contro il Chievo, il sentimento principe da tifoso del post partita è la delusione.
Mazzarri in conferenza stampa a quanto pare la pensa un po’ come noi e non lo nasconde.
Voleva vincere, ma giustamente aggiunge che se non segni, certe partite non le vinci.
Obiettivamente al tecnico non ci sentiamo di rimproverargli nulla. Ha fatto le scelte che doveva fare e alla fine ha recuperato in extremis Ljajic mettendolo in campo piuttosto che risparmiarlo per il prossimo match contro il Milan.
Ha tentato di dare maggior spinta e profondità sulle fasce inserendo la freschezza di Barreca a sinistra e spostando Ansaldi a destra cercando di creare qualche scompiglio agli avversari.
Con il senno del poi, forse fare entare prima Edera, ma con Rincon e Baselli in debito di ossigeno ha preferito attendere piuttosto che correre il rischio di restare poi in inferiorità numerica.
Dito puntato piuttosto ai giocatori, alcuni molli, lenti e poco propositivi. Non facciamo nomi per innescare sterili polemiche. Ma serve più grinta, maggior cattiveria ed in alcuni frangenti più velocità.
Siamo partiti bene nel primo tempo, peccato non essere risuciti a concretizzare. Poi nella ripresa il Chievo ha tirato fuori la testa dal guscio e ci ha messo sotto. E noi? Noi invece di ripartire in velocità siamo stati molli e mosci. Era proprio quello il momento per tentare di approfittare e fare il colpaccio. Ma invece nulla. Abbiamo fatto il solito fiacco giro palla, dando modo all’avversario di rientrare e puntualmente chiudere ogni nostra velleità.
Peccato un vero peccato. Siamo delusi.
Vorrà dire che mercoledì batteremo il Milan …..

Comments

  1. SODDISFATTO E INSODDISFATTO

    Insoddisfatto solo del risultato.
    Soddisfatto del resto.

    Si avremmo dovuto vincere, però ci abbiamo provato fino in fondo.
    Per lunghi tratti si è creato un autentico assedio. Si è giocato a una porta.
    Si è dominato l’incontro.

    Chi ha visto la partita ha chiaramente avuto la percezione di chi era la GRANDE che voleva vincere e la PICCOLA che giocava (catenaccio)per il punto. (Lecito e condivisibile con la B ad un passo)

    Chi scrive che ieri si è persa l’Europa è in errore.

    L’Europa la si è persa in 2 momenti precisi.
    Girone di andata quando contro le piccole e piccolissime non solo non si è vinto…ma siamo spesso stati superati sul piano del gioco.

    Nelle 3 partite post ultimo Derby dove nemmeno siamo scesi in campo.
    Attenti però a distribuire bene le colpe… oggi malgrado queste ”partitacce” post derby, abbiamo comunque 3 punti in più rispetto all’andata.
    3 punti che ci MANTERREBBERO in piena corsa

    4 partite, le ultime, con 10 punti, 3 vittorie e un pareggio fuori casa, 9 goal fatti 1 subito, è un ruolino da Champion più che da Europa…

    Ieri dunque non si è perso proprio nessun ultimo treno!!

    1. Concordo,da mesi dico che l’europa È andata,troppi i punti da recuperare dopo aver sprecato l’impossibile nel girone di andata e nel trittico inguardabile.
      Per quanto riguarda Rincon,di cui parli sotto,purtroppo comincio a pensarla come te,va bene tutto ma vedendo questo Baselli ho la sensazione che gli tocchi fare quello che spetterebbe ad altri oltre che a se stesso.

      Nello specifico della partita di ieri devo dire anche che abbiamo giocato in 9,senza Iago e Gallo ,e noi non ce lo possiamo permettere per vincere in casa di una medio-piccola come il Chievo che ha un allenatore bravo a blindare gli avversari .
      Se loro 2 avessero giocato da 6-6,5 la avremmo comunque portata a casa.

      E comunque la fase difensiva sembra sistemata,se torniamo a segnare con regolarità l’anno prossimo possiamo divertirci.

  2. Io penso che analizzando la partita di oggi ho avuto una volta di più la conferma di una mia idea: rincon gioca un calcio degli anni ottanta lento prevedibile e con passaggi sempre dietro, se si vuole vincere contro squadre così chiuse ci vuole velocita nelle ripartenze e tanta testa. Fuori rincon e dentro Obi e il toro è un altro. Il mister ci ha messo due mesi per capire che ljajic deve giocare sempre speriamo si accorga prima che rincon non serve a nulla.

    1. Obi decisamente più dinamico e in forma di Rincon. Concordo.

      Si dice, si scrive per giustificare, che Rincon non sia un regista, non sappia costruire, sia lento. Ma sarebbe stato preso ”solo” in qualità di incontrista.
      Ma anche su questo aspetto, il ”recupera-palloni”, è stato surclassato da Baselli (per qualcuno troppo leggero…)
      9 MILIONI solo per avere…per un incontrosta che nemmeno eccelle in questo?

      Mi auguro di cuore che il VERO Rincon non sia questo… che non si sia ancora visto….
      Perché altrimenti…

    2. Hai ragione Massimo,ma con Baselli Adem Iago e Gallo non possiamo pensare che mancasse Obi per spostare gli equilibri

      1. Probabilmente mi sono espresso male intendevo che con Obi che corre di più e il Baselli di ieri che ha dovuto fare sia il suo che quello di rincon la squadra ne avrebbe giovato. Poi per quanto riguarda Belotti e iago sono nuovamente d’accordo e forse l’ingresso di edera a soli 5 minuti dal termine è stato un po’ tardivo . Non possiamo pensare che un giocatore possa essere determinante in 5 minuti.

  3. I ragazzi U21 l’han battuto in casa e fuori il milan. Non vedo impossibile una vittoria. Purtroppo se venisse aumenterebbe i rimpianti, oltre che l’autostima del gruppo. Sono curioso di vedere se con la testa un po’ più libera, ora che la corsa all’europa è fallita definitivamente, riusciremo ad essere più propositivi.

Comments are closed.