Belotti-vs-Roma
Ecco come i vari quotidiani hanno commentato e valutato la prova die nostri ragazzi a Roma

Tuttosport

SIRIGU 6.5 Non ha colpe particolari sul gol ma, intanto, ne incassa altri tre. Probabilmente sperava di giocare in un Toro più competitivo. Speriamo che non si demoralizzi troppo e a fine anno non chieda di andare via nonostante sia sotto contratto.
DE SILVESTRI 5.5 Niente da dire sotto l’aspetto dell’impegno ma la qualità è un’altra cosa. Barreca (26′ st) 5.5 Che poteva fare in questo disastro collettivo?
N’KOULOU 6 Ha concesso poco o niente a Schick e El Sha- Manolas è stato a guardare come tutti i suoi compagni.
MORETTI 5.5 Un gran salvataggio nel primo tempo. Il cuore l’ ha spinto oltre l’ostacolo. Eppoi tanta attenzione che, comunque, non è bastata per permettere al Toro di portare a casa un risultato positivo. E in occasione del gol di De Rossi sta davanti pensando che il centrocampista giallorosso fosse in fuorigioco.
ANSALDI 5 Dalla sua parte, a turno, si sono spinti Florenzi, Strootman e Under: mica facile contenerli. Ci è riuscito nel primo tempo ma nella ripresa è crollato assieme alla squadra. Tarda a salire in occasione del raddoppio e tiene in gioco De Rossi!
RINCON 5.5 Diligente, duro, molte giocate “sporche” ma senza mai svoltare verso quel qualcosa in più che serve alla squadra per sorridere almeno qualche volta.
FALQUE 6.5  Il più intraprendente. Dalla sua parte ha fatto quello che ha voluto meno che il gol. E’ stato bravissimo Alisson ad impedirglielo. Ma perché Mazzarri l’ha sostituito? Niang (23′ st) 5  Nel finale un tiro che ha fatto sorridere tutto l’Olimpico
ACQUAH 5.5  Ha avuto, nel primo tempo, sul piede la palla per poter bucare i giallorossi ma il suo tiro è stato debole e centrale. In compenso ha accorciato il centrocampo: fa tutto quello che le sue capacità gli permettono di fare. Edera  (35′ st) ng
BASELLI 5.5  All’inizio si è procurato una punizione dal limite con una giocata alla Hamsik. Poi fa l’Hamsik in più di un’occasione. Però guasta tutto restando a guardare Manolas che di testa ha segnato.
BERENGUER 6  All’inizio del secondo tempo s’è inventato una giocata che se fatta più spesso…
BELOTTI 5.5  Si è divorato un gol che la passata stagione avrebbe scaraventato in rete senza alcun problema. Però, almeno, si è battuto e sbattuto con grande ardore andando spesso ad aiutare i compagni. Ma, inutile nasconderlo, non è più lui.

ALL. MAZZARRI 5.5  Il meno colpevole. Il materiale che ha a disposizione è questo e non può fare miracoli. Un consiglio: ora imposti il futuro con i giovani e, soprattutto, convinca il club a fare un mercato senza plusvalenze. Solo così il Toro può rinascere.

 

Repubblica

5.5 SIRIGU Gli attaccanti della Roma lo lasciano inoperoso. Poi arrivano difensori e centrocampisti…
5.5 DE SILVESTRI Ex laziale, si accende, morde El Shaarawy ma è anche falloso. Fischi quando esce.
DAL 27’ ST BARRECA 5: non riesce a evitare il tracollo.
6 NKOULOU A volte s’attacca alle caviglie di Schick e non lo molla come i difensori di 30 anni fa.
5.5 MORETTI È addetto al controllo di Under quando accentra e lo fa accettabilmente.
5.5 ANSALDI Senza particolari colpe, il tracollo alla fine è generale.
6 ACQUAH Non appena si fa pericoloso viene marcato duro. DAL 35’ ST EDERA SV.
5.5 RINCON Quando ha la palla la difende bene, poi crolla con gli altri.
6 BASELLI Le sue serpentine veloci seminano scompiglio.
6.5 IAGO FALQUE Da ex ha il veleno addosso. Ha occasioni, è elettrico, poi si spegne. Esce imprecando e scagliando via la tuta. AL 23’ ST NIANG 5: maschera sul naso, non risolve i problemi, anzi.
4.5 BELOTTI Stagione complicata, infortuni, pochi gol, in trasferta all’asciutto dal 20 settembre.
5 BERENGUER Titolare a causa delle tante assenze. Ma è timido e i nconsistente.

 

gazzetta

 

SIRIGU 6 Dopo un primo tempo da virtuale disoccupato, frena Schick, Nainggolan e Kolarov, ma s’inchina a Manolas e De Rossi.
DE SILVESTRI 6 In Coppa era stato ammazzalupi, stavolta non fa sfracelli ma tiene bene la fascia.
BARRECA 5 Va in campo nel momento peggiore e non inverte l’inerzia.
NKOLOU 6 Se la vede con Schick e lo anestetizza senza problemi.
MORETTI 6 Ha l’esperienza che serve; il crollo finale non è colpa sua.
ANSALDI 5 Rischia nei disimpegni e annega tenendo in gioco De Rossi nel raddoppio.
ACQUAH 6 Il duello con Nainggolan è per spiriti forti. Non demerita e Alisson gli nega un gol. (Edera s.v.)
RINCON 5,5 Frangiflutti davanti alla difesa, regge per un tempo prima della resa
BASELLI 6 Prova a dare qualità e quantità in mediana.
IAGO FALQUE 5 Da ex, nei primi 45’ è una spina nel fianco dei giallorossi e solo Alisson lo stoppa. Cala un po’ nella ripresa, ma la sostituzione stupisce un po’ tutti.
NIANG 5 Entra con la squadra in svantaggio e non incide mai.
BELOTTI 5,5 Dà spesso profondità alla manovra, però non riesce mai a rendersi pericoloso.
BERENGUER 5,5 Attento in copertura, tocca più palloni di tutti (56) e molti positivi (30), ma si sfalda coi minuti.

ALL. MAZZARRI 5,5 Ha l’alibi delle tante assenze, anche se il crollo nella ripresa è verticale ed il cambio di Iago misterioso.

Corriere

6 SIRIGU Senza lavoro nel primo tempo, impallinato tre volte senza colpe nel secondo. Se la cava con sicurezza nelle mischie su corner, non è attrezzato per miracoli alla Alisson.
6 DE SILVESTRI Tiene a bada le sovrapposizioni (timide) di Kolarov e di El Shaarawy. Quando esce per un infortunio alla caviglia sinistra la difesa traballa e subisce altri due gol.
5,5 NKOULOU Tra i migliori acquisti prezzo/rendimento del campionato, tiene a bada Schick ma partecipa alla latitanza sul gol di Manolas. Il meno peggio di una difesa che prende comunque tre gol.
5 MORETTI Se la cava bene quando la Roma va alla velocità di un bradipo, mostra tutti i limiti dell’età quando sale il ritmo.
5 ANSALDI Cerca di non farsi attaccare da Under e di gestire un’ammonizione arrivata presto. Grave l’errore che costa il gol di De Rossi: non sale con i compagni e lascia il romanista libero di segnare il 2-0.
6 ACQUAH Poteva fare meglio nell’occasione che Alisson gli concede con un rinvio sbagliato. Ma è tra i più dinamici di un Torino che è Toro solo per un tempo.
6 RINCON Spalletti lo voleva fortemente in giallorosso, ma scelse la Juve. Non demerita, ma non lascia nemmeno un rimpianto tra i tifosi romanisti.
5,5 BASELLI Tiene il passo di Nainggolan per un’ora, poi cala di schianto. È un po’ il simbolo di un Torino che sembra aver poco da dire.
6,5 IAGO FALQUE Partita da ex, mettendo a dura priva la difesa della Roma. Chiama Alisson alla prima parata difficile dell’incontro, è sempre attivo. La sostituzione è incomprensibile.
5 BELOTTI Toglie involontariamente a Berenguer un gol già fatto, anticipandolo su cross del solito Iago. Il momento nero continua.
6 BERENGUER Sfrutta la sua rapidità creando un paio di palle gol, non è in marcatura su Florenzi in occasione del primo gol.
5,5 BARRECA Entra nel momento più difficile, può fare poco.
SV NIANG E EDERA

5 MAZZARRI Contro Di Francesco aveva sempre vinto, ma questa volta la sua squadra scoppia presto. Strano, per uno con il suo carattere, vedere un Torino così remissivo.

LaStampa

5,5 SIRIGU Primo tempo da spettatore non pagante, ripresa macchiata dalla mancata uscita su Manolas.
6  DE SILVESTRI Ordinato dietro, arrembante in fase offensiva. Le noie alla caviglia lo costringono a uscire nella ripresa (dal 25’ st BARRECA SV).
6  NKOULOU Ministro della difesa del governo Mazzarri. Chiude in avvio su Under, addomestica il fantasma di Schick e non ha colpe particolari per l’amnesia collettiva sul gol di Manolas.
5,5 MORETTI Aiuta NKoulou al centro e Ansaldi sulla sinistra, ma sbaglia un paio di disimpegni e traballa quando la Roma lo attacca.
5  ANSALDI Si fa vedere solo con un tiro alto, per il resto viene messo in mezzo da Florenzi e Under e tiene in gioco De Rossi sul raddoppio.
6  ACQUAH Intralcia le linee di passaggio e le strade del centrocampo romanista. Alisson gli nega la gioia (meritata) del gol (dal 35’ st EDERA SV).
5  RINCON Muscoli e quantità per un tempo. Crolla, come tutto il Toro, nella ripresa.
5  BASELLI Fuochi d’artificio iniziali (una percussione centrale e un pallone invitante per Iago Falque) seguiti dall’anonimato.
6,5 IAGO FALQUE Il più vivace. Si agita, sgroppa e sfiora il gol con un sinistro a giro d’autore. Infuriato per il cambio (dal 22’ st NIANG 5,5: entra a frittata fatta e non può incidere).
5  BELOTTI Il Gallo non canta più e non porta nemmeno la croce. Stoppato due volte da Manolas e fermato da Maresca per un fallo in mischia, si eclissa malinconicamente nella ripresa.
5  BERENGUER Rilanciato dal primo minuto dopo quaranta giorni, nel primo tempo si fa notare solo per aver imbeccato il sinistro a giro di Iago Falque. Secondo tempo da desaparecido