Mazzarri-conf-stampa
Mazzarri si presenta carico, voglioso e determinato. Ora dimostri di essere da Toro

Ieri il primo ingresso più conoscitivo che altro al Filadelfia, oggi la presentazione in sala stampa e il primo vero allenamento. Domani l’esordio contro il Bologna.
Una botta di adrenalina per chiunque, ma si sa che rilevare una squadra in corsa presenta questo tipo di difficoltà.
Ma Walter Mazzarri ha un bagaglio di esperienza tale da sopperire questi ed altri tipi di pressione.
La prima sensazione è certamente positiva, il tecnico livornese si presenta con un mix di umiltà per il ruolo che andrà a ricoprire ed un pizzico di presunzione personale che francamente non guasta. non una critica quest’ultima ma un pregio per un allenatore che crede nelle proprie capacità ed è ambizioso.In fondo, che piaccia o no, il suo curriculum parla per lui.
Nessun roboante proclama comunque, Mazzarri dimostra di essere persona posata ed intelligente. Ci sarà tempo per capire, valutare e determinare se ci saranno le basi per poter dichiarare un vero e proprio obiettivo. Raccoglie l’eredità di un tecnico che al di là degli errori era ben voluto dalla squadra e su questo aspetto Mazzarri si sofferma con piacere, affermando che se fosse stato il contrario sarebbe stato grave.
Difficile che da domani contro il Bologna si possa vedere già la sua impronta, ma già da oggi c’è il desiderio da parte sua e del suo staff di fornire alcune indicazioni base.
Domani contro il Bologna si scenderà in campo per vincere. Mister Walter non lo dice espressamente ma il desiderio, l’intenzione, è quella.
Poi la sosta, momento ideale per mettere meglio a fuoco la situazione. E ci sarà tanto, tantissimo da lavorare. I ragazzi si preparino, Mazzarri è un maniaco del lavoro. E guai a chi sgarra.

Il nuovo allenatore non preclude ad alcun cambio di modulo. Afferma di essere preparato ad affrontare qualsiasi tipo di variante tattica. Costruirà modulo, e tattica a seconda delle caratteristiche dei giocatori a disposizione.O per lo meno questa è l’intenzione.
Chi giocherà domani? Presto per dirlo. Mazzarri non vuole fare pre tattica, ma semplicemente oggi parlerà con la squadra per capire chi gli potrà dare maggiori garanzie non solo dal punto di vista fisico, ma pure mentale.
Certo oggi, le scelte obbligate non aiuteranno a causa delle numerose defezioni, ma domani in campo andrà il miglior Toro a disposizione.
La prima impressione di Mazzarri ci è piaciuta. Ha parlato bene, in maniera chiara e pulita.
Mazzarri è sempre stato un tecnico molto ambizioso e sicuro di se stesso. E’ venuto al Torino e al Toro per proseguire un percorso italiano terminato in maniera burrascosa all’Inter.
Il messaggio è chiaro, Mazzarri vuole riprendersi l’Italia e conquistare il Toro.

Ora dopo le belle parole attendiamo i fatti.

Buon lavoro mister Mazzarri e ancora benvenuto fra noi !

Comments

  1. Vedremo se questa rosa è da Europa…ora che abbiamo un allenatore che è considerato uno che ne capisce e che porta a casa i risultati.

    -2 dall’obiettivo o -5 per il sesto…al 5 Gennaio.

    Non si trovino poi scuse e non si nomini più Miha in primavera se la classifica sarà peggiore di questa.

  2. non è una critica all’articolo, ma abbinare “umiltà e “Mazzarri” nelle stesse righe penso sarà evento molto raro in futuro.
    Diciamo che la compostezza , la convinzione e la determinata serenità con cui ha parlato mi vanno già benissimo.
    Se domani non dovesse andare come sperato non mi aspetto presa di responsabilità e correttezza clamorosa, spero di sbagliarmi.
    Questo lo dico semplicemente perchè siamo tutti pronti al personaggio che abbiamo preso, il proprio passato parla sempre per tutti noi

  3. Coerenza per coerenza, sono con “Poeta”.
    Venivamo da un allenatore, Ventura, negato per la comunicazione (e per la simpatia/empatia) che però portava risultati….
    Veniamo appena ora dal “TOP” in fatto di granatismo chiacchierato e (quasi) mai fatto vedere in campo, cioè Miha appena esonerato.

    Ora Mazzarri: mi metto nei suoi panni e “ammetto” che anche io, in una intervista “iniziale” sarei uno scempio di frasi fatte, di grazie, di sono felice di essere qui, di chiamata irrinunciabile e di immediato appeal con Cairo e Petrachi!
    (Però non arriverei mai ai celeberrimi slogan a massimo contenuto testosteronico usati dal serbo… al massimo con quello cerco di fare felice mia moglie…oltre ad averci fatto due meravigliosi figli…)

    TIFO PER LUI! AL MASSIMO! TIFO PER MAZZARRI PERCHè DOMANI LO TROVERò SULLA PANCHINA DEL TORO!

    Il giudizio, come sempre, nel tempo e rigorosamente (solo) sui fatti.
    Se poi nelle interviste, volesse tornare a parlarci del Cittadella e delle Sue meraviglie, nel mentre che ci conduce in Europa… a me sta benissimo!

    1. prediligo, per ora, squadra cazzuta e punti, sul bel gioco sono molto permissivo se ci sono i primi…so che qualcuno storcerà il naso, ma così la penso

    2. Io resto dell’idea che giocare anche male ma vincere va benissimo… se poi c’è anche il bel gioco meglio ma ciò che conta sono i punti…

Comments are closed.