Gorin

Fabrizio Gorin una carriera tra Genoa e Torino

13 settembre 2002 – Viene a mancare per una leucemia fulminante contratta due mesi prima il terzino destro Fabrizio Gorin, ex calciatore del Torino con cui cui ha vinto l’ultimo scudetto dei colori granata. Con il Torino giocherà per tre anni, partendo titolare nella prima stagione e totalizzando in totale trentuno partite realizzando un unico gol che risulterà decisivo, quello che vale la vittoria interna contro l’Inter.
Prematuramente scomparso all’età di 48 anni, Gorin indossò la maglia granata dal 1975 al 1978, totalizzando 43 presenze e segnando 1 rete, il 2 novembre del 1975, il gol del raddoppio in una partita importante, Toro-Inter, poi terminata 2-1, incontro che confermò a tutti che la squadra di Gigi Radice poteva coltivare il grande sogno di vincere il campionato, come in effetti poi avvenne.
Difensore tutto grinta e tenacia, un vero mastino nel marcare il diretto avversario, giocatore di grande temperamento, purtroppo un po’ limitato da un serio infortunio, sostituito da Santin già dalla 6° giornata del campionato dello Scudetto, con Nello che di fatto gli “soffiò” il posto e venne impiegato da Radice come titolare dell’assetto difensivo che risulterà determinante per il successo.
Dopo la parentesi granata, fu protagonista di ottimi campionati al Genoa, dove divenne uno degli idoli della tifoseria che lo incitava con il coro “picchia Gorin”.