Mihajlovic
L’analisi statistica della sfida di ieri tra Benevento e Torino (quelle ufficiali dal sito della Lega Serie A)

Chi lamentava il mancato possesso palla del Torino di Mihajlovic, va detto che la gara di ieri lo vede nettamente in mano ai granata, con il 68% del totale, segno di come il pallino del gioco, per quanto non brillante, sia rimasto quasi sempre in mano al gruppo del tecnico serbo. Venti i tiri complessivi, divisi equamente, quindici nello specchio con il Torino che prevale di uno, cinque dei quali da dentro l’area, mentre riguardo al Benevento sulle sette conclusioni, ben sei sono giunte dalla lunga distanza. La superiorità granata si ha anche nelle occasioni da gol, dodici contro nove (comprese la rete di Iago Falque e la paratona di Sirigu, sempre su conclusione da fuori area), così come i calci d’angolo battuti, dieci a due per il Toro. Va notato come gli attacchi alla difesa dei granata siano sbilanciati sulla destra, fascia su cui agivano De Silvestri e Iago Falque, ed al centro, mentre sono quasi la metà quelli provenienti dall’asse Molinaro-Niang, con quest’ultimo che deve ancora trovare la giusta quadratura, a dimostrazione di questo il numero elevato di palloni persi (sei, il peggiore tra quelli in campo), in numero più alto rispetto a tutti i compagni di squadra. E’ invece l’esperto difensore Emiliano Moretti ad aver recuperato più palloni in assoluto (cinque), mentre Rincon ha commesso più falli e Ljajic è stato il calciatore che ha tirato di più in porta (quattro volte). In questo caso, da notare il numero limitato di conclusioni verso la porta di Andrea Belotti (2), a cui il nuovo modulo potrebbe creare alcune difficoltà in tal senso, e non è la prima volta in questo campionato.